La mostra dei manoscritti di Leopardi al Palazzo del Principe di Casalnuovo

A proporlo è Giovanni Nappi, presidente del consiglio del comune di Casalnuovo, promotore del “Premio letterario una città che scrive” ospite il prossimo marzo a Visso, città ferita dal terremoto del centro Italia e custode di molti manoscritti di Leopardi tra cui l’Infinito 

“Tante sono le comunità colpite dall’ultimo terremoto. Tutti noi vorremmo fare qualcosa per gli abitanti di quelle zone. Io, per esempio, ho scelto di concentrare il mio contributo su di un piccolo comune delle Marche, VISSO in provincia di Macerata. Perché proprio Visso? A VISSO erano custoditi alcuni manoscritti leopardiani, tra cui ” L’INFINITO “. Ad esporli era il Museo Civico Diocesano, la cui struttura è stata seriamente danneggiata dalle fortissime scosse, così come è accaduto per gran parte del centro storico di questo straordinario borgo. Da qui l’idea di dedicare a VISSO una menzione speciale del nostro PREMIO LETTERARIO UNA CITTÀ CHE SCRIVE: VISSO NEL CUORE. Che la forza della Scrittura possa esercitare, così, la propria funzione di ” rifugio ” e di ” riscatto “.
Dedicheremo a tutti loro anche l’immagine di copertina della nostra seconda antologia, disegnata dal fumettista di Tex Alessandro Nespolino.
Presenterò personalmente, nel prossimo mese di marzo, il PREMIO UNA CITTÀ CHE SCRIVE ai ragazzi di Visso, grazie al Patrocinio Morale del Comune (e per questo ringrazio, sin da ora, il Sindaco di Visso, Giuliano Pazzaglini e l’assessore Patrizia Serfaustini).
Nei prossimi giorni parlerò della mia trasferta al nostro Sindaco Massimo Pelliccia e All’Assessore alla cultura Simona Visone: credo, infatti, che questa possa essere l’occasione per rappresentare al Sindaco Pazzaglini la disponibilità ad ospitare la mostra dei manoscritti di Leopardi presso il nostro Palazzo del Principe. Non sarà facile, ad oggi sono in mostra a Bologna, ci sarà poi Milano, Roma. Vediamo, mai dire mai!”

Condividi su