Frattamaggiore. Giunta con due assessori in meno: imminente rimpasto per l’amministrazione Del Prete

Gli alleati chiedono di fare presto e di sospendere l’attività della giunta. Attesa per la riunione di giovedi con il gruppo consiliare del PD

di Massimo Caponetto – Sono due gli assessori che hanno rassegnato le proprie dimissioni: Giuseppina Del Prete ad inizio dicembre, Luigi Capasso ad inizio gennaio. Notizie che sono passate in sordina ma che nascondono la ricerca di nuovi equilibri politici tra i vari gruppi che sostengono il Sindaco Marco Antonio Del Prete. Una vecchia prassi della politica locale frattese, che spesso subisce scosse di assestamento che derivano dal malcontento dei gruppi consiliari. Al momento le tensioni palesate riguardano l’UDC e I Democratici per Frattamaggiore: l’ex assessore Giuseppina Del Prete, legata all’UDC, in particolare al consigliere D’Ambrosio, e Luigi Capasso, legato ai Democratici per Frattamaggiore ed in particolare al consigliere Franco Del Prete, oggi nel gruppo misto, dovranno essere sostituiti ma il Sindaco, secondo gli alleati, sta prendendo troppo tempo per effettuare le nuove nomine.
I membri della coalizione di maggioranza hanno chiesto, quindi, di sospendere l’attività di giunta finchè non saranno sciolti tutti i dubbi.
L’attesa è per giovedì prossimo quando a riunirsi con il Sindaco sarà il gruppo consiliare più folto, quello del Partito Democratico che oltre ad avere tre assessori in giunta detiene anche due Presidenze, quella del Consorzio cimiteriale e del Consiglio comunale. Il confronto maggiore riguarda proprio il partito del Sindaco, in fibrillazione, seppur non ancora palesata ma che, in vista delle prossime politiche, potrebbe portare ad inattesi scenari nello scacchiere politico frattese. Nelle prossime settimane sicuramente assisteremo ad un rimpasto più ampio, intanto restiamo in attesa che il Sindaco accetti l’intervista, proposta dalla nostra redazione diverse volte e mai riuscita a registrare, nonostante la nostra grande disponibilità, con l’obiettivo di fare un bilancio di quello che è stato il 2017 e dei propositi per il 2018.

Condividi su