Rossoblù: orgoglio afragolese

Svanisce il sogno dell’Afragolese. Serie D sfumata ai rigori, ma ecco perchè va detto comunque grazie a questi ragazzi

Il calcio, a volte, sa mostrare quanto poco possa passare fra una vittoria esaltante ed una sconfitta deprimente. È quello che è accaduto la scorsa domenica alla Vis Afragolese, battuta in quel di Bitonto. La distanza ideale passata fra il quinto penalty calciato da Patierno, finito in maniera rocambolesca in rete, e quello sbagliato da Michele Ciano, è apparsa davvero infinitesimale. Un epilogo beffardo che non può ridimensionare una straordinaria annata in cui i rossoblù hanno dato davvero tutto.

MAI DOMI 

La strenua resistenza è stata una costante nei momenti di difficoltà della stagione degli afragolesi. In questi play-off, superbe sono state infatti le dimostrazioni di compattezza in inferiorità numerica ammirate nei tempi supplementari delle sfide con Omnia Bitonto e Puteolana. Le eccezionali capacità di adattamento di alcuni calciatori hanno fatto da collante di un gruppo arrivato ad un passo dalla D. Esempi ne sono stati lo stesso Ciano, schierato da terzino, difensore centrale e persino da ala nel 4-3-3, Nicolas Pesce e Antonio Tarascio. Uomini che si sono prestati completamente alla causa con il solo obiettivo di perseguire il successo collettivo.

AFRAGOLA RINGRAZIA E CONTINUA A SOSTENERE

Fiore all’occhiello di questa stupenda realtà è stato inoltre il pubblico. I supporters rossoblù hanno seguito la squadra ovunque ed anche nell’atto decisivo non hanno fatto sentire la loro mancanza. Rimarranno negli occhi e nel cuore di chi vi ha assistito, le immagini dei cori congiunti con la squadra e degli abbracci fra calciatori e tifosi in ogni momento di gioia. Una coesione che ha fatto apparire l’ambiente sempre aggregato e pronto alla lotta in campo e fuori.

Non mancherà la delusione e, di sicuro, i prossimi saranno giorni difficilissimi per la Vis ed il suo popolo, ma l’Afragolese anche stavolta proverà a non mollare, tenendosi pronta per le nuove affascinanti sfide che la attendono.

 

Condividi su
  • 16
    Shares