ADL: “I tifosi non sono proprietari del club!”

Da Salisburgo ADL ha tuonato ancora una volta, affrontando senza peli sulla lingua, le tematiche calde nell’ambiente partenopeo.

CONTESTAZIONE DEI TIFOSI E BAGARRE CON IL COMUNE

Si continua a dire che il club è dei tifosi, giusto, come si fa con un film per gli spettatori. Ma tra questo e il fatto che i tifosi siano i proprietari del club ce ne passa. Questo mi ha fatto scappare dalle Universiadi. Mi devo ritrovare sempre al tavolo qualcuno che fa populismo e non parlo del Commissario Basile. In alcuni Comuni si pratica populismo perché bisogna fare gli imbonitori con i propri elettori. Mi dispiace perché prendono in giro gli ignoranti. Ma chi non ha la capacità di capire la differenza tra la cosa giusta e quella sbagliata ha bisogno del consenso del popolo per passare dal Comune alla Regione. E vedremo se ci riuscirà…“.

GAP CON LA JUVENTUS

Gap con la Juventus? Dovrei indebitarmi… La Juve fattura 400 e 450, anche loro dovrebbero farlo se volessero colmare il gap con le grandi d’Europa. Io sono considerato un virtuoso del calcio. Mi sono indebitato quando ho messo 180 milioni di tasca mia perché volevamo tornare subito in Serie A dalla Serie C. Il salto di qualità non si fa soltanto mettendo denaro, ma cambiando regolamenti. Nessuno in Italia lo ha capito, non lo ha capito Giorgetti, nemmeno Gravina, mai la FIGC, nemmeno il signor Malagò. SI era fatto un cambio epocale con Veltroni, avevano capito che fossero dei club e si è andati in contro a Calciopoli, ecco che il club si è trasformato in società lucrativa“.

CASO INSIGNE &  RINNOVO GIUNTOLI

Non mi risulta che Insigne sia sul mercato. Non c’è prezzo per lui, sennò avremmo messo la clausola rescissoria. Cristiano Giuntoli ha rinnovato per altri 5 anni con il Napoli. Ancelotti sa che questa è casa sua, i suoi pensieri coincidono con i miei. Quando vorrà rinnovare il suo contratto non ci sono problemi“.

Condividi su
  • 5
    Shares