chiariello comandante frattamaggiore

Frattamaggiore: il nuovo comandante della Polizia Municipale sarà Biagio Chiariello

L’avvocato Biagio Chiariello prende il comando della Polizia Municipale di Frattamaggiore, dove dirigerà i caschi bianchi, con una grande ambizione: riqualificare e rafforzare il corpo della Polizia Locale frattese.

Stamattina, presso la casa comunale, la cerimonia di insediamento del nuovo Comandante della Polizia Locale alla presenza del Sindaco, dott. Marco Antonio Del Prete, degli Assessori e Consiglieri comunali nonché  tanti cittadini. Ad affiancare il dott. Chiariello anche Associazioni, colleghi e cittadini che collaborato con lui nella precedente esperienza santantimese facendo capire che saranno pronti anche a seguirlo sul nuovo territorio in segno di vicinanza.  Presente anche personale dell’Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza.

Il Comandante è un Avvocato, 44 anni, con pregresse esperienze lavorative presso l’Arma dei Carabinieri, e in ultimo presso la Direzione Investigativa Antimafia. Proviene da Sant’Antimo dove ha diretto i caschi bianchi  lottando contro ogni forma di arroganza e lasciando un vuoto incolmabile anche perché numerose ed importanti sono state le attività  poste in essere a Sant’Antimo tra cui la riorganizzazione del Corpo secondo i nuovi modelli regionali, il contrasto dell’ambulantato abusivo come quello  sulla via Appia (lato di competenza territoriale), debellare le affissioni abusive, la rimozione immediata di campi rom dopo vari tentativi, le attività interforze di “alto impatto” nelle case popolari con riappropriazione immobili abusivamente occupati,  debellata la vendita dei carciofi arrostiti e pane “cafone” cotti in strada, la chiusura di agenzia funebre abusiva, l’introduzione di modelli di sicurezza nelle manifestazioni ed eventi,  debellato il fenomeno dell’uso del megafono da parte di commercianti e venditori di frutta, sequestri importanti in ambito ambientale come i panifici abusivi,  autolavaggi, fabbriche tessili, aree adibite a discarica come l’ex distilleria Palma divenuta una vera bomba ecologica, del bosco di Capezza, di centri per il riciclaggio di pezzi di ricambio per elettrodomestici e smaltimento illecito di rottami, della nota discarica sul ponte di collegamento Giugliano –  Sant’Antimo, di una vasta area  presso le case popolari per interramento rifiuti e disastro ambientale a poca distanza da scuola e chiese, monitoraggio con forte calo degli incendi in ambito terra dei fuochi, soprattutto all’obbligo imposto ai proprietari terrieri di tenere puliti i siti.

Non meno le attività di ordine e sicurezza pubblica come il contrasto all’immigrazione clandestina, il sovraffollamento abitativo di extracomunitari, l’ attivazione dei sistemi di sicurezza con Prefettura per fuochi d’artificio festa patronale, la gestione di consistenti problematiche di ordine pubblico in occasione di alcuni crolli stabili ed in occasione di proteste per le gestione delle problematiche disfunzioni della raccolta dei rifiuti, come anche problematiche connesse allo sgombero della propositiva Sant’Antimo, l’attivazione di modelli di sicurezza luoghi di lavoro per evitare “morti bianche”.

Per le attività di polizia giudiziaria, le operazioni di liberazione immobili confiscati alla criminalità organizzata unitamente all’agenzia nazionale per i beni confiscati, sgominato un giro di false residenze, il contrasto al fenomeno del maltrattamento animali.

Il Comandante Chiariello lascia al comune di Sant’Antimo l’importante sistema di videosorveglianza che vede anche il comune di Frattamaggiore beneficiario, si proprio perché grazie al suo lavoro nel contrasto ai crimini ambientali in questi anni, sono stati ottenuti i fondi europei che consentiranno l’installazione delle telecamere sui due territori e la realizzazione della centrale radio per il contrasto ai crimini ambientali, somme ottenute di euro 499mila e gara assegnata. Ma lascia soprattutto un marchio indelebile di legalità e uomo delle Istituzioni.

Ora il dottor Chiariello è anche incaricato della Prefettura di Napoli, come Sovraordinato, alla Commissione straordinaria di Calvizzano e per incarico del delegato del Governo per terra dei fuochi è il coordinatore delle pattuglie di Esercito e Polizia Locali per i controlli ambientali su quattro comuni.

 

Condividi su
  • 13
    Shares