Tribunale Napoli Nord

Ordine degli avvocati Napoli Nord: il Presidente Mallardo chiede condivisione ma le commissioni sono già decise”. Le accuse della minoranza di Progetto Forense

Mai avremmo voluto riprendere la nostra attività consiliare lamentando, ancora una volta, il comportamento della “maggioranza”. Ci limiteremo, tenendo a freno il nostro sdegno, a raccontare i fatti così come si sono svolti.
La seduta odierna del Consiglio si è aperta con una dichiarazione del Presidente che invitava tutti ad un atteggiamento di condivisione. Naturalmente, la risposta dei consiglieri di Progetto Forense non poteva che essere di massima apertura, nell’interesse della classe.

Auspicavamo, innanzitutto, una condivisione sui criteri da adottare nell’individuazione dei colleghi da inserire nelle varie commissioni. Sennonché, dopo una breve discussione sui criteri proposti e non accolti dalla maggioranza, alla richiesta di conoscere il numero delle commissioni da comporre, venivano consegnate varie fotocopie, riproducenti tutte le commissioni già “riempite” con i nominativi dei vari membri e delle rispettive cariche.

Non riteniamo a questo punto di dover aggiungere altro. Il comportamento è sin troppo intelligibile ed offenderemmo l’intelligenza di chi ci legge.
Sta di fatto che, a dispetto della richiesta di condivisione prospettata da Mallardo e invocata dagli iscritti tutti, siamo stati messi di fronte a scelte già adottate senza alcuna discussione al riguardo.
Va chiarito che le nostre critiche sono rivolte alla metodologia utilizzata dal gruppo facente capo a Gianfranco Mallardo e non ai colleghi scelti, che meritano, tutti, il ruolo che assumeranno per professionalità e competenza e perché godono della nostra stima.

È evidente che la mortificazione inflitta alla “minoranza”, riteniamo sia frutto di una becera arroganza, tipica di chi è incapace di affrontare e vedere riconosciute le proprie ragioni attraverso un proficuo e corretto scontro dialettico. È quanto hanno dichiarato i consiglieri dell’ordine degli avvocati di Napoli Nord Giuseppe Landolfo, leader del gruppo Progetto Forense, Annamaria Maisto, Nunzia Caterino, Nicola di Foggia, Carmine Buonomo, Generoso di Biase, Rosa Cesaro, Barbara Schiattarella, Carla Chiacchio, Sergio Tessitore.

Condividi su