Ospedale Casoria

Casoria: Chiude il punto di prima assistenza Santa Maria della Pietà, caos nell’area nord

Dal primo gennaio 2020 chiuderà il punto di prima assistenza dell’ospedale Santa Maria della Pietà gestito dai religiosi camilliani a Casoria.

Si annunciano disagi per i cittadini del comprensorio di Casoria, Afragola, Arzano e Casavatore che contano oltre 200mila abitanti. Dal prossimo mese di gennaio i cittadini saranno costretti a rivolgersi agli ospedali più vicini, ovvero il San Giovanni di Dio di Frattamaggiore e il San Giovanni Bosco a Napoli.

La questione dei centri di prima assistenza, che interessa anche alcune cliniche private della provincia di Napoli, sta suscitando una diffusa mobilitazione e sembra destinata ad approdare anche all’attenzione del governo. Come riporta Il Mattino, una soluzione per tamponare l’emergenza potrebbe giungere dall’accordo siglato dalla Regione con i medici di famiglia. In sostanza, si punta a coinvolgere questi ultimi con l’attivazione delle cosiddette aggregazioni funzionali territoriali che garantirebbero l’apertura degli studi per almeno dodici ore al giorno.

In questi giorni presso il dipartimento di emergenza e accettazione del San Giovanni di Dio di Frattamaggiore gli operatori sono costretti a lavorare in affanno. Stesso discorso al San Giovanni Bosco di Napoli. C’è la necessità di riorganizzare e non di sopprimere. Nonostante i progressi c’è ancora tanta carenza di servizi fanno sapere dall’ASL Napoli 2 Nord.

Condividi su