Orta di Atella

Orta di Atella: Dietro lo scioglimento la cementificazione selvaggia

Nuovi particolari sulle ragione che hanno spinto il Ministero degli Interni a sciogliere il Comune di Orta di Atella.

Secondo la Commissione d’Accesso nel territorio del comune atellano è avvenuta una cementificazione selvaggia priva di alcun controllo. Nel 2002 erano stati censiti 13mila abitanti, nel 2014 se ne contavano 27mila proprio in conseguenza di questa edilizia selvaggia gestita dalla criminalità organizzata con il benestare delle istituzioni. Una gestione che ha generato sotto il profilo urbanistico gravissimi danni al territorio e all’ambiente e alla convivenza civile.

Intanto l’ex Sindaco, Andrea Villano si difende dalle accuse di essere espressione di continuità con le passate amministrazioni: Non mi sento di entrare nel merito dei punti della relazione redatta dalla Commissione d’Accesso. Ho già dato mandato ad un legale di fama per presentare ricorso alla decisione dello scioglimento. Un documento che reputo ingiusto per me, per la mia famiglia e la mia comunità. Non credo ci sia continuità tra le ultime tre amministrazione comunali. Io ed altri consiglieri abbiamo fatto parte dell’amministrazione Mozzillo ma non c’è nessun filo conduttore negli atti amministrativi tra le amministrazioni Brancaccio, Mozzillo e Villano.

Condividi su