All’Ariston di Sanremo per il 70° Festival gli ospiti saranno omaggiati con bouquet realizzati a Succivo da Nino

Sul palco dell’Ariston il bouquet di Nino, un fiorista che arriva dal comune atellano di Succivo. Unico a rappresentare la Campania

22 tra i migliori fioristi d’Italia si sono sfidati a colpi di fiori e fronde della riviera, con il vincitore che si è aggiudicato l’onore di entrare a fare parte del team che realizzerà i bouquet omaggiati sul prestigioso palco dell’Ariston in occasione del 70° Festival di Sanremo.

I concorrenti hanno preparato due bouquet ciascuno che si riferiscono alle seguenti famose canzoni: ‘Vacanze Romane’ e ‘Grazie dei Fiori’. La manifestazione, organizzata da ‘Amaie Energia – Mercato dei Fiori’ e dal Comune sotto la direzione artistica delle flower designer locali Sabina Di Mattia e Jessica Tua, promuove le eccellenze floricole e la professionalità locale.

I partecipanti sono arrivati da tutta l’Italia. Sono professionisti e titolari di negozi di fiori. La giuria è formata da: Rita Milano, Marco Introiti e Rudy Casati, tre tra i migliori flower designer d’Italia che, insieme a Sabina Di Mattia e Jessica Tua, sono cresciuti nella scuola del mercato di Sanremo tra fine anni ‘90 e primi 2000.

A rappresentare la Campania Nino che arriva da Succivo con il suo negozio “Mito dei Fiori”, comune atellano della provincia a sud di Caserta. Nino dopo essere salito sul podio ad Estrosa 2019, insieme alla giovanissima sorella Susy, torna sul podio con un quarto posto alla manifestazione che lo porterà a Sanremo a partire dal prossimo 4 febbraio.

Nino emozionato ringrazia il comune di Sanremo e il direttore del mercato di Sanremo tra i sostenitori di questa iniziativa:” Sono orgogliosissimo di poter mostrare questo ulteriore successo ai miei clienti, agli amici e al mio maestro di sempre Vincenzo Antonuccio che mi hanno sostenuto per arrivare qui. Adesso non resta che aspettare il prossimo 4 febbraio per vedere le nostre creazioni salire sul grande palcoscenico del teatro Ariston di Sanremo”.

Condividi su