Atalanta-Napoli: 2-0. La “Dea” blinda la Champions

Sconfitta pesante per il Napoli di Gennaro Gattuso che cade sotto i colpi dell’Atalanta, ad un passo alla Champions. La formazione di Gasperini s’impone per 2-0 grazie alle reti di Pasalic e Gosens.

Per quanto concerne le formazioniGattuso  conferma il suo collaudato 4-3-3 con qualche cambio rispetto al successo casalingo contro la Spal:  Ospina in porta; difesa a quattro composta da Di Lorenzo, KoulibalyMaskimovic Mario Rui. A centrocampo, spazio dal 1′ minuto per Demme, sostenuto ai lati da ZielinskiFabian Ruiz , mentre in attacco confermato “Ciro” Dries Mertens, affiancato da capitan Insigne e Politano(preferito a Callejon).

Tante conferme in casa Atalanta, con il tecnico Gasperini che conferma il suo 3-4-2-1: Gollini tra i pali; difesa a tre composta da Toloi, Djimsiti e Caldara. A centrocampo, spazio alla cerniera formata da De Roon e Freuler, mentre sulle corsie confermati Gosens e Castagne. Infine, in attacco spazio all’ex Duvan Zapata, sostenuto da Pasalic e dal “Papu” Gomez.

Primo tempo equilibrato con il Napoli che tiene in mano il pallino del match e sfiora il vantaggio con il colpo di testa di Koulibaly che colpisce. L’Atalanta si rende pericolosa con la conclusione secca del Papu Gomez, stoppata da Ospina che successivamente a causa di un infortunio alla testa lascerà il campo; al suo posto Meret.

Nella ripresa, parte forte della “Dea” e trova il vantaggio con Pasalic che sfrutta un errato disimpegno della difesa azzurra e di testa batte Meret, firmando l’1-0. La rete dell’ex centrocampista di Chelsea e Milan è una mazzata per gli azzurri che subiscono il 2-0 a causa di Gosens; nono centro in campionato per l’esterno di Gasperini.

Gattuso tenta il tutto per tutto inserendo Lozano e Milik per Insigne e Mertens, ed il “Chucky” si rende pericoloso con un’ottima percussione ma viene stoppato dalla bella uscita di Gollini. Gli azzurri ci provano fino alla fine ma le speranze della formazione partenopea s’infrangono sul sinistro di Fabian Ruiz, che non inquadra lo specchio della porta. Un ko pesante per gli azzurri che dicono addio al quarto posto ed alla qualificazione in Champions League.

Amare le dichiarazioni del mister partenopeo Gennaro Gattuso che ha dichiarato:”Non ricordo un tiro in porta dell’Atalanta. Abbiamo buttato a casa una partita che avevamo in mano, l’Atalanta non ha fatto un tiro a parte i gol. Dobbiamo lavorare sulla mentalità e queste partite possono aiutarci molto. Ci serviranno per migliorare, non dobbiamo regalare niente a nessuno. E’ importante dare continuità e creare una mentalità vincente”.

Condividi su