Casoria Omicidio Antimo Giarnieri

Casoria: scena muta dei testimoni dell’omicidio di Antimo

Non hanno saputo fornire informazioni utili al pubblico ministero che li ha convocati per cercare di acquisire informazioni utili alle indagini per la morte di Antimo Giarnieri, il 18enne ucciso tre giorni fa a Casoria. Scena muta dunque dei suoi amici tra cui Salvatore, il ragazzo rimasto lievemente ferito durante l’agguato.

Lo riporta Il Mattino.

Secondo le prime ricostruzioni ad entrare in azione è stato un commando di fuoco bordo di un’auto, arrivata a velocità sostenuta in via terza traversa Castagna a Casoria. Il killer è sceso dalla vettura iniziando a sparare a ripetizione, sette i bossoli calibro 7.65 che i Carabinieri hanno raccolto da terra. La vittima è originario di Aversa ed è fratello di Vittorio Giarnieri, 27enne in carcere dal 6 giugno 2017 perché considerato tra le nuove leve del clan dei Casalesi, nella fazione dei Bidognetti.

Condividi su