Cercasi Pannone disperatamente: il candidato del centrodestra si fa rincorrere dai giornalisti

Sono ormai settimane che è stata annunciata la candidatura di Antonio Pannone. Manifesti, gigantografia su autocarri, spesso parcheggiati male, annunci su settimanali di partito, ma di Antonio Pannone, già Sindaco vicario di questa città nemmeno l’ombra.

Non lo si vede per strada, non risponde alle telefonate dei giornalisti ma soprattutto non accetta il confronto con la stampa per spiegare perchè ha accettato di rappresentare ancora il centrodestra con la regia dell’ex senatore Nespoli.

Anche oggi la nostra redazione ha tentato di contattarlo sul suo cellulare, tanti squilli, nessuna risposta ma soprattutto non si è rimesso in contatto con chi lo cerca per porgli domande che a questo punto della campagna elettorale sono più che lecite.

In attesa di poterlo incontrare, magari con il nuovo format lanciato dalla redazione di NanoTV condotto dal direttore Maurizio Cerbone con Martina Orecchio, “La Politica in TV”, che andrà in onda in diretta dai nostri studi tutti i giovedi alle 17,00.

Una trasmissione che si affiancherà a quella di Polis Nostrum per seguire tutte le vicende della politica campana e locale.

Intanto la novità nel panorama politico afragolese sembra essere la coalizione che si sta formando intorno alla discesa in campo di Fondazione Natale per Afragola, la lista civica che sulle orme del Fondatore di Cogito invita la società civile all’impegno diretto nella prossima campagna elettorale.

Nel centrosinistra la candidatura di Tuccillo continua ad essere portata avanti dal PD che con il tavolo insieme ad Europa Verde e Cinquestelle non riesce ancora a trovare la quadra.  Giustino lancia la sua candidatura sostenuto da 7 liste ma lasciando spazio al dialogo. Pannone se pur assente sembra essere sostenuto da 11 liste.

Restano da sciogliere tanti nodi, come dell’impegno e dell’attivismo di Nicola Perrino, del posizionamento della lista lanciata dall’ex consigliere comunale Tania Cuccurese, da tanti che non si riconoscono nelle coalizioni già formate.

Se tutto restasse così ci sarebbero almeno 4 proposte di Sindaco sul tavolo, 3 legate alla politica dell’ultimo ventennio e una intorno a Fondazione Natale Cerbone che potrebbe essere la vera sorpresa di questa campagna elettorale, anche se la sintesi nel centrosinistra con la discontinuità  chiesta da Europa Verde e 5 Stelle porterebbe nuova linfa alla proposta politica locale.

Condividi su