Pupetta Maresca

Morta Pupetta Maresca: fu la “prima camorrista” donna

Pupetta Maresca, la prima ‘camorrista’, è morta a 85 anni nella sua casa di Castellammare di Stabia. Nel 1955, quando aveva 20 anni, uccise il mandante dell’omicidio del marito, Pascalone ‘e Nola.

Su di lei – della vicenda riferiscono Il Mattino e Metropolis – fu anche girata una fiction dove a interpretarla fu Manuela Arcuri. Era comparsa in un processo l’ultima volta quando tra le prove fu portata una lettera a un imprenditore nella quale chiedeva un posto per il figlio e spiegava di essere stata rovinata dai pentiti.

Ho pagato con lacrime e affanno le mie scelte. La prima volta perché l’uomo a cui ho sparato avrebbe fatto lo stesso con me. Cosa dovevo fare, farmi uccidere? Ero incinta. Mi veniva incontro con il braccio teso e la pistola in pugno. Con lui c’erano i suoi killer. Io mi sono difesa“. Così Pupetta Maresca si raccontava il giorno dopo la messa in onda della prima puntata della fiction su Canale 5 il 7 giugno 2013.

Ma il carcere che mi ha fatto veramente male è stato quando sono stata arrestata la seconda volta, per avere parlato di Cutolo che a quei tempi uccideva tutti i giorni – ricordava in quell’occasione – io urlavo nel carcere, per l’ingiustizia che avevo subito, quattro anni per aver detto che Cutolo era sostenuto dalla politica. E’ vero, l’ho minacciato di morte. Lui minacciava i miei fratelli e io avevo davanti agli occhi mio padre che piangeva. Crede che la camorra avrebbe mandato una donna a fare minacce in pubblico? Il mio è stato un impeto di rabbia, che ho pagato amaramente. Desidero ancora una carezza da mia madre, una carezza che – conclude – non ho mai avuto”.

Soloil Italia

Condividi su