Il Prefetto di Napoli: “Ad Afragola dispersione scolastica del 60%”

Il Prefetto di Napoli, Claudio Palomba, è intervenuto sulle pagine di Repubblica perfare il punto della situazione sull’area nord di Napoli dopo la lettere firmata da 13 sindaci per l’emergenza criminalità degli ultimi mesi:

La periferia settentrionale è scossa da episodi gravissimi: sparatorie contro le pizzerie a Frattamaggiore, le minacce contro il parroco di Caivano don Maurizio Patriciello e il comandante della polizia municipale di Arzano Biagio Chiariello, le bombe a Frattaminore, gli agguati. È preoccupato?
“Ci stiamo lavorando. Ma non è solo una questione di presenza delle forze dell’ordine oppure di videosorveglianza. Sono stato ad Afragola: in quella città si registra un tasso di dispersione scolastica del 60 per cento e questo dato, oltre ad essere oggettivamente preoccupante, ci fa capire che gli interventi devono riguardare più livelli, non solo la sicurezza. Però noi non restiamo certo a guardare”.

Oltre all’intensificazione dei controlli sul territorio, di cui i sindaci vi danno atto nella lettera, come avete in mente di intervenire?
“Abbiamo avviato il progetto per elevare la tenenza dei carabinieri di Caivano al rango di compagnia: questo consentirebbe di aumentare gli organici ed è una delle richieste che ci è stata avanzata anche dai comitati. Come accaduto con i tavoli di osservazione nelle municipalità del capoluogo, presto istituiremo i distretti per la sicurezza in provincia, che accorperanno dieci-quindici comuni e ci consentiranno di analizzare a fondo le questioni. Dopo l’incontro ad Arzano, stiamo chiudendo un accordo con le imprese del territorio per rafforzare il sistema di vigilanza, sarà la prima intesa fra pubblico e privato dove entrambi metteranno a disposizione le risorse”.

Ortopedia San Sossio Frattamaggiore

Condividi su