Sparatoria in Texas, almeno 21 morti in una scuola elementare

Un vero incubo. Sale il bilancio delle vittime della strage in una scuola a Uvalde, nel Texas, Usa. Occhi increduli, famiglie sconvolte radunate in un centro locale ad attendere la notizia peggiore per un genitore.

Il numero dei bambini uccisi è salito almeno a 19 studenti. Le autorità hanno detto che una persona armata ha ucciso anche due adulti. Le forze dell’ordine hanno “individuato” il sospetto quando lo hanno visto uscire dal suo veicolo con un fucile e una pistola. Ma l’uomo armato è comunque riuscito a entrare nell’edificio scolastico e ad aprire il fuoco, ha detto alla CNN il sergente Erick Estrada del dipartimento di pubblica sicurezza del Texas.

L’uomo armato indossava un giubbotto antiproiettile e aveva accennato sui social media a un imminente attacco, ha detto Estrada. “Perdere un figlio è come vedersi strappare via un pezzo di anima”. Parlando dalla Casa Bianca alcune ore dopo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato gli americani a opporsi alla potente lobby americana delle armi da fuoco.

“Quando perdi un figlio c’è un vuoto nel tuo petto che ti sembra di essere risucchiato dentro… non sarai mai più lo stesso”. Biden ha accusato la lobby di aver bloccato l’emanazione di leggi più severe sulla sicurezza delle armi da fuoco, suggerendo di ripristinare il divieto di armi da assalto e altre “leggi di buon senso”.

“È ora di trasformare questo dolore in azione”, ha detto. Biden ha ordinato che le bandiere restino a mezz’asta fino al tramonto di sabato in osservanza della tragedia. Sono iniziati a emergere soltanto da poche ore i nomi delle persone uccise durante l’attacco di martedì alla scuola elementare Robb nella città di Uvalde. L’anno scolastico doveva finire giovedì.

La prima vittima è stata identificata dalla famiglia come Eva Mireles, un’insegnante di quarta elementare alla Robb Elementary. La zia di Mireles, Lydia Martinez Delgado, ha detto al New York Times che sua nipote è stata uccisa a colpi di arma da fuoco dall’uomo armato mentre cercava di proteggere i suoi studenti. L’uomo armato ha ucciso le sue vittime “in modo atroce e insensato”, ha detto il governatore repubblicano del Texas Greg Abbott.

Il massacro è stata la 27a sparatoria in una scuola quest’anno negli Stati Uniti, secondo Education Week. Ed è successo poco più di una settimana dopo che 10 persone sono state uccise in un supermercato. Sdegno anche sul fronte dello sport e dello spettacolo americano. La cantante pop Taylor Swift ha parlato su Twitter, descrivendo la sua “rabbia e dolore” dopo l’attacco. Anche la star del basket LeBron James si è unito alla coorte di celebrità che hanno espresso il loro shock, auspicando un cambiamento.

Marican Gruppo Canciello

Condividi su