Aversa: aggredito in carcere un agente della polizia penitenziaria

di Martina Orecchio – Un agente della polizia penitenziaria sarebbe stato aggredito da un detenuto all’interno del carcere di Aversa. Lo riferisce il segretario del Sappe Donato Capece, il quale ha raccontato che l’aggressione sarebbe avvenuta dopo la funzione religiosa della domenica.

“La situazione è subito degenerata, ma il provvidenziale intervento degli altri agenti ha permesso di contenere la furia dell’uomo”, ha raccontato il segretario.

Le dichiarazioni del Segretario regionale Osapp della Campania

Il Segretario regionale Osapp della Campania Vincenzo Palmieri, ha spiegato che “la condotta violenta, le minacce, le offese e l’ingiuria del detenuto contro il personale di Polizia Penitenziaria si sono già verificate in passato. Ciò nonostante, non si è mai provveduto al suo trasferimento in un’altra struttura penitenziaria più adeguata alla sua condotta”.

“Aversa è una casa di reclusione che dovrebbe ospitare persone private della libertà ma rispettose delle regole penitenziarie- ha detto Palmieri- e i detenuti dovrebbero mostrare rispetto per i percorsi di inserimento per maturare benefici di legge”.

Di ieri è la segnalazione di altre difficoltà nel carcere irpino e del sequestro di droga e telefonini a Poggioreale.

Condividi su