Allarme influenza aviaria nel Regno Unito

Allarme influenza aviaria nel Regno Unito.

di Saveria Russo – L’epidemia di influenza aviaria nel Regno Unito richiede che tutto il pollame venga tenuto al chiuso “fino a nuovo avviso“. Cos’è l’influenza aviaria e dobbiamo preoccuparci?

Tutto il pollame e gli uccelli in cattività in Inghilterra dovranno legalmente essere tenuti al chiuso come parte delle misure per affrontare la più grande epidemia di influenza aviaria mai registrata nel paese. Il governo britannico ha dichiarato che le misure obbligatorie saranno introdotte a partire dalla mezzanotte del 7 novembre. Questa è la più grande epidemia di influenza aviaria mai registrata nel Regno Unito, con 200 casi confermati negli ultimi 12 mesi.

L’ordine estenderà le misure già in vigore in alcune parti dell’Inghilterra orientale all’intera nazione, a seguito di un aumento del rischio di influenza aviaria negli uccelli selvatici a “molto alto”. I detentori di uccelli saranno tenuti a seguire rigorose misure di biosicurezza, inclusa la disinfezione di indumenti, calzature, attrezzature e veicoli e la tenuta dei registri di mortalità.

Ora stiamo affrontando il più grande focolaio di influenza aviaria mai registrato. Stiamo assistendo a una rapida escalation del numero di casi negli allevamenti commerciali e negli uccelli da cortile in tutta l’Inghilterra“, ha affermato Christine Middlemiss, Chief Veterinary Officer del Regno Unito.

Il rischio che gli uccelli detenuti siano esposti a malattie ha raggiunto un punto in cui è ora necessario che tutti gli uccelli siano alloggiati fino a nuovo avviso“.

Cos’è l’influenza aviaria?

L’influenza aviaria è causata da una manciata di virus influenzali, proprio come l’influenza stagionale che circola ogni inverno. Le infezioni influenzali stagionali aumentano con il clima fresco e si diffondono facilmente nelle popolazioni umane. L’influenza aviaria viene trasmessa solo tra gli animali o dagli animali all’uomo.

Gli uccelli più grandi, come anatre e oche, tendono a traghettare virus dell’influenza aviaria in tutto il mondo. Tuttavia, se gli uccelli migratori più piccoli come gli uccelli costieri vengono infettati dall’influenza aviaria, è più probabile che ritardino la migrazione o non si mettano affatto in viaggio.

Se quegli uccelli selvatici interagiscono con gli uccelli domestici, i virus che trasportano potrebbero diffondersi e causare focolai nel pollame domestico“.

Condividi su