Casapund: Blitz della Digos a Padova

Sono iniziate questa mattina all’alba, alle 05:00, le perquisizioni presso le abitazioni di militanti e della sede del movimento Casapound. A effettuarle, la Digos della questura di Padova. L’indagine è stata coordinata dal sostituto Procuratore della repubblica di Padova Sergio Dini.
Il via è stato dato dopo che, nella notte del 28 ottobre scorso, erano comparse nel centro storico di Padova numerose scritte con vernice spray di matrice neofascista, in particolare lungo il muro perimetrale della facoltà di Scienze Politiche, in via del Santo, presso l’Istituto scolastico “Nievo” e in altre vie del centro storico.

Le persone perquisite, tutti giovani di età compresa tra i 20 e 30 anni residenti in provincia, sono indagate per il reato di apologia di fascismo e danneggiamento aggravato. A seguito delle perquisizioni sono stati sequestrati capi d’abbigliamento e caschi utilizzati durante il danneggiamento. Sono stati trovati poi altri oggetti, tra cui una mazza da baseball, un passamontagna, numerosi fumogeni e torce illuminanti, bandiere, riviste ed altro materiale di propaganda, che certificano l’ipotesi investigativa.

Condividi su