Si sveglia dal coma dopo intossicazione da monossido di carbonio.

E’ fuori pericolo, Pietro Caputo, rimasto intossicato da una perdita di monossido di carbonio, dal locale caldaia del residence nel quale viveva con il compagno, il 24enne di Torre del Greco Francesco Mazzacane, a Milano per uno stage. Caputo è uscito dal coma ieri 14 Novembre e le sue condizioni sono buone ed ha parlato anche con i familiari e i medici. Alla scoperta dei due cadaveri, vi era stato uno scambio di persona, riguardo a chi era deceduto, ma al momento del riconoscimento della salma i genitori hanno appurato l’errore. Dopo un tentativo di contattare i due ragazzi, i familiari preoccupati hanno chiesto ad alcuni amici di recarsi presso la struttura, e lì hanno scoperto l’accaduto. Il PM della procura di Milano indaga per omicidio e lesioni colpose ed ha disposto l’autopsia sul corpo di Francesco. A quanto pare, si è sganciato un tubo di scarico della caldaia, portando alla perdita del monossido di carbonio nella stanza dei poveri ragazzi. Si attendono ora gli sviluppi delle indagini.

 

 

Condividi su