Il missile che ha colpito la Polonia ha ucciso due dipendenti di un’azienda italo-polacca

Molto si è parlato nelle ultime ore, comprensibilmente, del missile che ha colpito la Polonia. L’ombra di un’escalation ha portato tutti a concentrarsi sulle conseguenze macroscopiche dell’accaduto ma, adesso che sembra che le acque si siano calmate, c’è modo di soffermarsi sulle conseguenze umane dell’esplosione.

Morti due dipendenti di un’azienda agricola

Il razzo ha colpito un’azienda agricola italo-polacca, Agrocom, che si occupa di coltivazione e allevamento, causando la morte di due operai – un 58enne e un 60enne che lavoravano nell’azienda dal 2000. I due stavano lavorando nei campi quando il missile è esploso, aprendo una voragine e distruggendo uno dei trattori dell’azienda.

Federico Viola, vicepresidente di Agrocom, ha dichiarato: “Sono morti due nostri dipendenti, un trattorista e un magazziniere.” Si tratta, ha continuato Viola, di “una notizia davvero triste”.

“Nessuno pensava potesse essere un razzo”

Il missile ha sconvolto il piccolo centro rurale, in cui è stato dichiarato un periodo di lutto di tre giorni. All’inizio, qualcuno ha creduto che si trattasse dell’esplosione di una ruota o di una bombola di gas.

Nessuno pensava potesse essere un razzo” ha raccontato, sconcertata, un’insegnante al quotidiano Gazeta Wyborcza. “Era un uomo meraviglioso.” ha affermato ancora la donna, riferendosi a una delle due vittime “Per tutta la vita ha aiutato tutti.”

_____

Continua a seguirci su Facebook, su InstagramTwitter e Waveful! Ricevi tutte le notizie sul tuo cellulare iscrivendoti al canale Telegram.

Scopri gli ultimi aggiornamenti cliccando qui.

Condividi su