Trafitto al torace e alla testa: un uomo si è suicidato nel sonno collegando due balestre a un timer e a un macchinario da lui costruito

È accaduto in Alto Polesine: un uomo è stato trovato morto nel suo letto trafitto al torace e alla testa dalle frecce scoccate da due balestre. Ad azionare le armi è stato un dispositivo auto-costruito attivato da un timer.

Trafitto al torace e alla testa da un dispositivo auto-costruito

Un uomo è stato trovato morto nel suo letto trafitto da due balestre. A far scattare le due armi sarebbe stato un dispositivo collegato ad un timer che, all’ora programmata, avrebbe scagliato le due frecce. Dalle indagini si è intuito un’evidente capacità manuale e progettuale da parte dell’uomo che ha costruito e pianificato tutto nei minimi dettagli, testando anche la funzionalità del dispositivo.

L’ipotesi degli investigatori è che l’uomo volesse farla finita già da tempo e che avesse utilizzato dei sonniferi per non svegliarsi. L’autopsia aiuterà a fare chiarezza sulla situazione, ma la progettazione del macchinario fanno escludere scenari diversi da quello del suicidio. Inoltre, le due balestre erano state posizionate in modo da colpire la vittima in due parti vitali, dove un eventuale colpo di balestra sarebbe risultato mortale.

_____

Continua a seguirci su Facebook, su InstagramTwitter e Waveful! Ricevi tutte le notizie sul tuo cellulare iscrivendoti al canale Telegram.

Scopri gli ultimi aggiornamenti cliccando qui.

Condividi su