Incidente mortale di Roma: Youtube rimuove tutti gli annunci di Theborderline, che chiudono il canale

 

“Siamo profondamente addolorati per la tragedia. Abbiamo rimosso gli annunci dal canale The Borderline in conformità con le nostre norme sulla responsabilità dei creator a seguito di comportamenti dannosi per la community di YouTube”. A riferirlo è un portavoce di YouTube. “Ogni creator di YouTube dovrebbe rimanere responsabile sia all’interno che all’esterno della piattaforma. Di conseguenza questo canale non può più guadagnare dalla pubblicità”. Intanto la Polizia postale lancia un allarme sulle cosiddette sfide online e cioè il Fenomeno challenge, dichiarando che è monitorato attentamente, definendo le più semplici, quelle più pericolose.  Ha chiuso quindi il canale  TheBorderline, creato nel 2020 da un gruppo di youtuber, che ha catturato l’attenzione di milioni di utenti della rete e circa 600 mila iscritti. Gli autori, dopo l’incidente nel quale, mercoledì scorso, uno dei fondatori del gruppo, Matteo Di Pietro, 20 anni, ha ucciso il piccolo Manuel, 5 anni, travolgendo con un SUV l’auto in cui viaggiava con la mamma e la sorellina, nel quartiere romano di Casal Palocco, hanno deciso di non proseguire la loro attività. “I TheBorderline” esprimono alla famiglia il massimo, sincero e più profondo dolore, hanno scritto in un testo pubblicato come ultimo video su youtube, Quanto accaduto ha lasciato tutti segnati con una profonda ferita, nulla potrà mai più essere come prima. L’idea di TheBorderline era quella di offrire ai giovani un intrattenimento con uno spirito sano. La tragedia accaduta è talmente profonda che rende per noi moralmente impossibile proseguire questo percorso. Pertanto, il gruppo TheBorderline interrompe ogni attività con quest’ultimo messaggio, il nostro pensiero è solo per Manuel”.