Sant’Antimo – Uomo di 49 anni si arrampica sui tubi del metano per raggiungere la casa dei genitori, arrestato per estorsione e minacce


Nonostante fosse destinatario di un divieto di avvicinamento ai suoi anziani genitori, un uomo di 49 anni ha ignorato l’ordinanza e ha tentato di introdursi nella loro abitazione. Ieri pomeriggio, l’uomo si è arrampicato sui tubi del metano per raggiungere il terrazzo della casa dei genitori, ma è stato fermato e arrestato dai carabinieri.

I fatti si sono svolti a Sant’Antimo, un comune della provincia di Napoli. L’uomo, che lo scorso 19 maggio era già stato arrestato per estorsione ai danni dei propri genitori, ha cercato nuovamente di estorcere denaro alla coppia di anziani, composta da un ottantenne e una settantasettenne. Alla Centrale Operativa della Compagnia di Giugliano in Campania è arrivata una richiesta di aiuto, segnalando che i genitori stavano subendo nuove minacce da parte del figlio violento.

Allertati, i carabinieri della locale tenenza si sono immediatamente recati sul posto, trovando l’uomo arrampicato sui tubi del gas. Il 49enne, in preda all’ira, stava urlando e minacciando di morte i genitori per ottenere del denaro. Alla vista dei militari, ha tentato una fuga a piedi, ma è stato rapidamente bloccato e arrestato dopo un breve inseguimento.

Il 49enne deve ora rispondere di maltrattamenti in famiglia, tentata estorsione e violazione del divieto di avvicinamento. L’uomo è stato condotto in carcere, dove è a disposizione dell’autorità giudiziaria. Nonostante le misure cautelari e il divieto di dimora nel comune di Sant’Antimo, il comportamento recidivo dell’uomo ha mostrato la sua totale mancanza di rispetto per le leggi e per la sicurezza dei suoi genitori.