Frattamaggiore. Concluso l’appuntamento “Apericinema” al Cantiere

Cinema, cucina e mobilità internazionale si fondono insieme e creano aggregazione

di Clementina Natale – Si è conclusa lo scorso giovedì ventisei Maggio, con la proiezione del film argentino “Los secretos de sus ojos”, premio Oscar come miglior film straniero nel 2010, la serie di tredici incontri cinematografici “Apericinema”, promossa ed organizzata dall’associazione Cantiere Giovani nell’ambito del progetto di mobilità internazionale SVE, Servizio di Volontariato Europeo, attraverso cui l’associazione frattese ospita ogni anno volontari di diverse nazionalità.
L’iniziativa, partita lo scorso mese di Marzo, ha avuto luogo, con cadenza settimanale, presso il centro socio culturale Il Cantiere. In totale sono stati proiettati tredici film in lingua originale tratti dalla migliore tradizione cinematografica internazionale. “Volver” di Pedro Almodovar , “Shame” di Steve McQueen o ancora “Melancholia” di Lars von Trier, questi sono solo alcuni dei titoli delle proiezioni che erano in programma al Cantiere nelle scorse settimane. Durante le varie serate, gli spettatori hanno potuto, inoltre, gustare un buon aperitivo tematico, che ha favorito un clima di confronto e aggregazione, in linea con i valori di sviluppo socio – culturali di cui Il Cantiere si è sempre fatto promotore. Anfitrione e organizzatore delle varie serate è stato Ismael Ibañes Espinoza, ventiseienne spagnolo, che dallo scorso mese di Novembre partecipa al progetto di Servizio Volontariato Europeo presso l’associazione Cantiere Giovani.
Il progetto a cui partecipa Ismael, attualmente studente di Master in integrazione sociale e già precedentemente impegnato in progetti di carattere sociale, prevede diverse attività da svolgere all’interno dell’associazione che lo sta ospitando. Tra queste quelle di supporto al TAV, ai progetti di mobilità internazionale e il corso di lingua spagnola. Molto appassionato sia di cinema sia di cucina, è stato proprio lui l’ideatore di questo ciclo di incontri. A tal proposito il giovane ha spiegato che l’idea nasceva, inizialmente, come attività di supporto al corso di spagnolo, ma si è poi ulteriormente sviluppata fino a diventare un appuntamento settimanale con la visione di film anche in altre lingue. L’obiettivo è stato quello di dare la possibilità agli studenti dei diversi corsi di lingue di migliorare l’ascolto e la comprensione. Espinoza si è detto molto soddisfatto dei risultati ottenuti e molto contento, inoltre, del fatto che Cantiere Giovani abbia accolto e supportato la sua idea, che è andata ad integrare le attività previste dal progetto. A tal proposito ha detto: “L’esperienza dell’ Apericinema rappresenta, per me, una buona opportunità per dare il mio tocco personale al progetto di volontariato. Il cinema e la cucina – continua Espinoza – sono entrambe mie passioni ed avere l’opportunità di fonderle insieme così, mi permette di lasciare il mio segno durante questi mesi al Cantiere”. Ismael si è detto, inoltre, anche molto soddisfatto del progetto SVE che lo vede coinvolto, del clima di condivisione che si è creato all’interno del gruppo di lavoro al Cantiere e anche del rapporto con il territorio e le persone che sta conoscendo. “Il Servizio di Volontariato Europeo qui al Cantiere è un’esperienza incredibile – ha detto il giovane – lavoro a contatto con altre persone e per le persone e questo è ciò che mi piace di più fare. Il programma SVE consente, inoltre, a noi volontari di partecipare a meeting internazionali formativi, durante i quali abbiamo la possibilità di conoscere altri volontari e di condividere le rispettive esperienze”. Il Servizio di Volontariato Europeo è, infatti, un programma finanziato dalla Commissione Europea all’interno del programma Erasmus+, che si rivolge a ragazzi dai 17 ai 30 anni ed ha come obiettivo lo sviluppo delle competenze dei giovani. Questo è appunto lo spirito che muove Cantiere Giovani nell’ambito dei progetti di mobilità internazionale. L’associazione frattese, da diversi anni infatti, offre a ragazzi di altre nazionalità l’opportunità di prendere parte a progetti come questo, ospitando giovani come Ismael e al contempo si occupa, inoltre, della promozione di progetti all’estero a cui molti ragazzi italiani, in cerca di questo tipo di esperienza, decidono di partecipare.

Condividi su