Napoli, Younes rinviato a luglio

In città, nelle ultime ore, in tanti si stavano chiedendo che fine avesse fatto Amin Younes.

Il calciomercato del Napoli raramente si è distinto per i tempi rapidi delle trattative. Quello che sembrava uno scherzo da bar, nel tardo pomeriggio si è trasformato in “incubo”. La trattativa per l’acquisto di Amin Younes è saltata. Immediatamente sono iniziate a rimbalzare tra i vari organi di stampa le ricostruzioni più variegate. La “caccia alle streghe” è durata alcune ore, tra nuove ed eccessive richieste dell’Ajax, passando poi per una fantasiosa fuga del ragazzo dopo alcuni giorni trascorsi a Napoli. Per terminare poi negli sfoghi isterici di chi, a torto o ragione, identifica ogni problematica riguardate la società nel Presidente De Laurentiis.

La Verità

Per fermare il dilagare di queste voci è dovuto intervenire il procuratore di Amin Younes, Nicola Innocentin. Il ragazzo ha avuto dei gravi problemi familiari e ha chiesto al Napoli e all’Ajax di rinviare il suo trasferimento all’ombra del Vesuvio a luglio. Non si sono verificati rilanci della società olandese, cosa confermata dallo stesso presidente del club. Non è fuggito il ragazzo, che non era raggiungibile perché semplicemente si trovava in aereo. Si è trattato di un semplice rinvio. Infatti, dopo aver effettuato le visite mediche venerdì a Villa Stuart, Younes ha firmato il pre-contratto che lo legherà alla società per i prossimi quattro anni.

Possibili scenari

Al momento il mercato del Napoli vive ore delicatissime, la strada che porta a Matteo Politano resta in salita per le continue resistenze del Sassuolo, anche se Giuntoli ha già l’accordo con l’agente dell’attaccante. Nelle ultime ore è ritornato in auge il nome di Davy Klassen dell’Everton. Proposto al Napoli, dopo lunghi corteggiamenti nelle passate sessioni di mercato, potrebbe essere una soluzione last minute.

Il mancato arrivo di un esterno può rappresentare per gli azzurri un problema in primavera quando ci sarà bisogno di freschezza nel rush finale?

Condividi su
  • 7
    Shares