Buffon è super! La Juventus espugna anche Bergamo

Buffon para un rigore a Gomez. Higuain segna. La Juve vince per 1-0 l’andata delle semifinali

 

BERGAMO- 40 anni e non sentirli. Questo è il titolo che si potrebbe dare per descrivere la serata vissuta da Buffon in occasione dell’ andata delle semifinali di Tim Cup. Para un rigore calciato da Gomez, al minuto 25, e sventa prodigiosamente, nel finale, l’ultima occasione di marca orobica. Sensazionale quest’ultimo intervento in uscita ad ostacolare l’avversario lanciato a rete. Sorprendente come un “ragazzino” che calca i campi del massimo campionato da appena 22 anni, riesca ad essere ancora tanto efficace. È lui il fautore principale del successo juventino insieme al Pipita Higuain.

Il centravanti argentino è, anche lui, in serata di grazia. Colpisce alla prima occasione utile su un errore in fase di costruzione dei centrocampisti dell’Atalanta. Recupera palla, si incunea in area di rigore, salta il difensore e calcia a rete. Tutto fatto sembrare fin troppo semplice da uno specialista come lui. La sua partita, però, non si limita solo al gol. Tanta corsa, sacrificio e aiuto in fase di non possesso. Una crescita evidente, sotto quest’aspetto, da parte del numero 9 dal giorno in cui ha messo piede a Torino. Il suo impiego in una squadra operaia come la Juventus richiede anche questo.

Grazie a due dei suoi uomini cardine, come lo sono, di sicuro, Higuain Buffon, la formazione bianconera conclude quindi la sua tredicesima delle ultime 14 partite senza subire reti e con la vittoria in tasca. Un successo importante, quello ottenuto allo stadio “Atleti  Azzurri d’ Italia”. L’aver segnato fuori casa e l’essere riusciti a conquistare la vittoria esterna, consentirà ai bianconeri di gestire più serenamente il ritorno. Il prossimo 28 Febbraio, allo Stadium, dovranno solamente completare l’ opera, assicurandosi così quello che potrebbe essere il quarto accesso in finale consecutivo nella Coppa nazionale. Un obiettivo che ormai appare alla portata degli uomini di Massimiliano Allegri.

Condividi su