La Maturità 2019 non sarà come le precedenti: ECCO TUTTE LE NOVITA’

Modifiche all’esame di maturità previste e confermate oggi dal Ministro dell’Istruzione,dellUniversità e della Ricerca Giorgio Bussetti.

I ragazzi sono stati in trepidante attesa per l’annuncio definitivo. Alle 12.00 attraverso una diretta Facebook sono state comunicate con certezza le modifiche (già anticipate marginalmente ad ottobre) e le materie  della seconda prova per i vari indirizzi, con la pubblicazione di materie esterne ed interne. Ecco la rivoluzione per prove scritte ed orali.

E’ eliminata la terza prova, temuta ogni anno dalla stragrande maggioranza di alunni, ma nel frattempo si fa doppietta alla seconda.                                                                                                      Mentre ogni anno, quasi in maniera alternata, per il liceo classico ad esempio si verificava greco o latino, quest’anno sono costretti a munirsi di entrambi i dizionari. Identica situazione si verifica per lo scientifico, con la compresenza di matematica e fisica in una sola prova, e cosi vale per gli altri indirizzi. (scorri in basso per l’elenco).

Naturalmente eliminando una prova, per i ragazzi del quinto anno che quest’anno innocentemente subiranno l’esperimento si deve attuare una conversione dei crediti fin’ora ottenuti. Se prima si accedeva con un massimo di 25, accumulati nell’ultimo triennio di studi, ora si accede con 40, a cui potranno sommarsi i voti di prima,seconda prova e orale che hanno un massimo di 15 ciascuno. Il materiale per la nuova modalità è pervenuto in tutti gli istituti superiori già da ottobre, con la preparazione per gli insegnanti anche attraverso corsi di formazione per organizzarsi e studiare al meglio le dinamiche.

Le modifiche apportate giungono anche all’esame orale: niente più tesine strutturate dai ragazzi. Il ministro Buzzetti  lascia gli studenti nelle mani del “fato” e bisogna sperare giochi a favore di questi. Il colloquio resta multidisciplinare, ma le commissioni prepareranno un elenco di spunti sulla base dei contenuti notificati dal Consiglio di classe entro il 15 maggio. E poi?

Poi tocca allo studente portarsi di riserva un piccolo cornicino, è giusto non essere mai troppo scaramantici. L’alunno potrà “pescare” una delle tre buste che all’esame orale la commissione gli proporrà dinanzi ai suoi occhi ed è dal percorso fatalmente scelto  che comincerà la sua valutazione. Saranno comprese in quest’ultima sia cenni sull’Alternanza scuola lavoro che su materie quali Cittadinanza e Costituzione.

Di supporto alle novità il Miur organizzerà giornate di simulazione nazionali per la preparazione alla nuova tipologia di esame di stato, la cui prima prova è stata fissata il 19 Giugno 2019.

 

Le materie della seconda prova sono:

per il liceo classico : LATINO E GRECO

per il liceo scientifico: MATEMATICA E FISICA

per il liceo delle scienze umane opzione economico sociale: SCIENZE UMANE E DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

per l’istituo tecnico per il turismo: DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI E INGLESE

per l’istituto tecnico indirizzo informatica: INFORMATICA E SISTEMI E RETI

per l’istituto professionale per i servizi di enogastronomi: SCIENZA E CULTURA DELL’ALIMENTAZIONE E LABORATORIO SERVIZI ENOGASTRONOMICI

per l’istituto professionale servizi per l’agricoltura: ECONOMIA AGRARIA E DELLO SVILUPPO TERRITORIALE E VALORIZZAZIONE ATTIVITA’ PRODUTTIVE E LEGISLAZIONE DI SETTORE

 

Condividi su
  • 16
    Shares