A chiedere giustizia per “Andrea, il bambino di Afragola autistico, arriva anche l’on. Pina Castiello

“Quella del bambino di Afragola, escluso dalla recita natalizia perche’ affetto da sospetto autismo, e’ una vicenda al tempo stesso triste ed inquietante, e che,se non affrontata in modo adeguato, rischia di configurarsi  come pericoloso precedente” – ad esprimere questa preoccupazione è il deputato leghista afragolese Pina Castiello che aggiunge –  “Non e’ possibile infatti far finire in archivio e senza conseguenze, magari declassandola a mera  leggerezza da parte della dirigenza della scuola, quella che e’ invece una brutta storia, in cui tanti sono i lati oscuri, sui quali va fatta piena luce”.

 

La deputata afragolese interviene dopo le notizie di stampa che ieri hanno sottolineato l’indignazione della famiglia del piccolo “Andrea” per gli esiti della visita degli ispettori del ministero che scagionerebbero la scuola da responsabilità. L’on. Castiello aggiunge in chiusura “Mi chiedo, per esempio, come sia stato possibile che il Provveditorato agli studi di Napoli, a cui certamente la notizia dell’accaduto sara’ arrivata velocemente, non abbia tempestivamente disposto l’invio di propri ispettori raccogliendo la disperata e dolorosa denuncia della madre del bambino, che comprensibilmente invocava l’intervento delle istituzioni. Questo e’ un caso sul quale non si puo’ abbassare la guardia: mi spendero’ senza risparmio a sostegno del bambino e della sua famiglia, con la quale sono gia’ in contatto, muovendo tutti i passi formali che mi sono consentiti”. “Andrea” oggi è sereno e frequenta la Scuola Statale Marconi di Afragola, grazie anche all’interessamento del sindaco di Afragola, Claudio Grillo ma la famiglia e gli avvocati Pisani che li difendono pretendono giustizia per quanto è accaduto per lasciare un segno educativo alle comunità locale che serva a sensibilizzare sul tema delicato delle disabilità e dell’autismo in particolare.

Condividi su