processo-eitan-israele

I nonni paterni: ” vogliamo Eitan” no alla zia.

I nonni paterni:” vogliamo Eitan . Si abbatte una nuova scure sulla vicenda del rimpatrio del piccolo israeliano Eitan. Nella tragedia di Mottarone, ha perso i suoi genitori e, la sua tutrice é la zia paterna, Aya. Abitano a Pavia.

Il bimbo, ora, é conteso tra i parenti paterni di Pavia e materni israeliani. Il nonno che ha rapito Eitan, é indagato Per rapimento del nipote di sei anni. Adesso il nonno e la nonna che sono in Israele, chiedono, al Tribunale  di Pavia, che siano loro i tutori e non più la zia Aya paterna. Il nonno Pelag sembra Aver messo a disposizione un altro avvocato.

Lo si è appreso in merito all’udienza che si è tenuta oggi, scaturita dal reclamo contro la nomina che ha originato anche un procedimento davanti al Tribunale per i minorenni di Milano. I legali dei nonni hanno anche chiesto che gli atti sulla nomina della zia, siano inviati alla Procura di Torino per profili di falsità.

Inoltre l’11 novembre Si discuterà col giudice la sentenza che ha dato ragione alla zia Aya, sul rapimento, in base alla convenzione Aja. Attualmente Eitan Si trova in Israele con la zia paterna.

 

 

Condividi su