La strategia di Letta: cosa farà il PD?

di Simona Lazzaro – Le ultime ore sono state, come al solito, molto confusionarie per il centrosinistra, soprattutto per quanto riguarda il fronte delle alleanze: Letta chiude definitivamente al M5S e lascia aperte le porte a Renzi e Calenda. “Confermo” ha dichiarato “ciò che è stato deciso: non avremo rapporti politico-elettorali con le forze che hanno fatto cadere il governo Draghi”.

Calenda e Renzi critici: “La sinistra sembra voler perdere”

Calenda si mostra assai critico di fronte alle scelte del PD: “Abbiamo chiesto due cose.” lamenta il leader di Azione “A me sembra davvero il minimo sindacale”. La responsabilità del fallimento dell’alleanza sarebbe, quindi, per Calenda, colpa di Letta e del Partito Democratico.

Siamo tutti in campo per battere la destra sovranista e populista” risponde la Lorenzin (PD) “per quanto riguarda le alleanze dico a Calenda che questo gioco dei veti non va bene. Lui che propose il fronte repubblicano sa che per batterli bisogna unirsi, dividersi vuol dire aiutare l’altro campo.”

Molto meno diplomatico il commento del leader di Italia Viva Matteo Renzi: “La sinistra sembra voler perdere” afferma amaramente “e imbarca le idee più disparate. Letta ha aperto la campagna elettorale proponendo una nuova tassa…

Una patrimoniale per dare una “dote” ai diciottenni

Ciò a cui fa riferimento Matteo Renzi è una nuova tassa di successione sui patrimoni milionari: dal punto di vista economico, infatti, Letta torna a puntare su questo.

Il fine sarebbe quello di garantire una sorta di “dote” ai diciottenni. “È giusto che chi possiede un patrimonio plurimilionario lasci qualcosa alla società” afferma Letta “se viene ridato ai giovani attanagliati dalla precarietà, questo è il senso di generazioni che si aiutano.

Segui il nostro laboratorio di giornalismo al femminile LaSettimanaTV – Continua a seguirci su Facebook, su InstagramTwitter e Waveful! Ricevi tutte le notizie sul tuo cellulare iscrivendoti al canale Telegram.

Scopri gli ultimi aggiornamenti cliccando qui.

Condividi su