Kiev attacca una base di soldati a Donetsk

Scontro sul numero di morti nel corso di un attacco della forze armate ucraine in Donetsk. Secondo Kiev sarebbero deceduti 400 soldati russi, Mosca smentisce e parla di 63 militari uccisi.

Secondo il Ministero della Difesa di Mosca, il raid ucraino ha colpito Makiivka, nel Donetsk, uccidendo 63 militari russi. Lo riporta la Tass. “A seguito di un attacco di quattro missili con testata ad alto esplosivo su un punto di schieramento temporaneo, 63 militari russi sono stati uccisi”, ha dichiarato il ministero della Difesa in un comunicato. In precedenza, senza rivendicare l’attacco, l’esercito ucraino ha dichiarato che 400 soldati russi sono stati uccisi a Makiivka, nella parte controllata da Mosca della regione orientale di Donetsk.

Nuova notte di attacchi russi in diverse zone dell’Ucraina

Esplosioni sono state segnalate nelle regioni di Kiev, Zaporizhzhia e Dnipropetrovsk. e l’allarme antiaereo è scattato in diversi oblast del Paese.  Secondo un bollettino diffuso dall’esercito su Telegram, le forze ucraine hanno abbattuto durante la notte scorsa tutti i 42 obiettivi aerei – 41 droni e un missile – lanciati dai russi sull’Ucraina.

L’attacco russo della notte scorsa sui Kiev ha danneggiato le infrastrutture energetiche della capitale ucraina: lo ha reso noto su Telegram il sindaco Klitschko, come riporta Ukrinform. “In città sono state dichiarate interruzioni d’emergenza di corrente. Alcune strutture per la fornitura di calore sono state scollegate dalla rete elettrica. L’acqua viene fornita in modo regolare”, ha informato Klitschko. Un ragazzo di 19 anni è rimasto ferito e un edificio residenziale è stato danneggiato nella capitale a causa dell’attacco.

Condividi su