16 anni fa la morte di Mario Merola all’ospedale di Castellammare: il Re della sceneggiata ci lascia a 72 anni

Mario Merola, tra i piu’ noti attori e cantanti partenopei si spense 16 anni fa a soli 72 anni all’Ospedale di Castellammare. Il re della sceneggiata, così lo definivano tutti, riuscì a dare a questo genere tipicamente regionale, una popolarita’ e una dimensione mondiale.

La sua attività artistica non si è limitata all’interpretazione vocale di brani del repertorio della canzone classica napoletana, ma ha anche giocato un ruolo nella rivalutazione del genere musicale-teatrale della sceneggiata, in auge nella città partenopea fra la I e la II guerra mondiale.

Figlio del ciabattino di Strettola Sant’Anna alle Paludi (Mercato), nasce a Napoli il 6 aprile 1934 da Giuseppe nativo di Maddaloni e da Maddalena Esposito di Casalnuovo di Napoli.

Per capire chi era Mario Merola e cosa rappresentasse tra la gente, riportiamo un racconto segnalato in una sua biografia: Nel novembre 1978, si fa largo tra la gente una signora anziana e in brutte condizioni di salute che, sotto al braccio della figlia, si mette in prima fila, nessuno fa caso a lei, nemmeno Merola, che saluta tutti e accetta un bacio e un abbraccio dalla signora. Ippolito, che invece aveva fatto caso alla signora, cerca di saperne di più. La vecchietta aveva un male incurabile e aveva chiesto alla figlia di vedere, prima di morire, Mario Merola, infatti questi le “faceva compagnia”, “alleviando i suoi dolori” con le sue canzoni e i suoi film. La vecchia signora, una volta tornata a casa, chiude gli occhi per sempre. Mario, una volta arrivato a casa della defunta, scoppia in lacrime e, insieme a Ciro e al resto della troupe, partecipa ai funerali della donna.

Il 7 novembre 2006 Mario Merola viene ricoverato in rianimazione presso l’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia dopo aver mangiato delle cozze crude. Il 12 novembre Merola muore per arresto cardiocircolatorio, nello stesso ospedale, all’età di 72 anni. I funerali si svolgono due giorni dopo, a Napoli, nella Basilica di Santa Maria del Carmine Maggiore, la stessa dove Merola si era sposato.

All Logistic

Condividi su