Napoli all’ultimo respiro: Diawara e Milik eroi nel pomeriggio di Fuorigrotta

Il Napoli tiene vive le speranze Scudetto. Batte il Chievo per 2-1, con un finale da oscar. Il calo fisico è evidente, ma gli azzurri con uno straordinario ardore tengono vivi i loro sogni tricolore. A 7 giornate dal termine, un distacco di 4 punti dalla capolista Juventus è ancora colmabile. È difficile prevedere cosa accadrà, ma una cosa è certa: la città intera, dopo una grandissima cavalcata, merita quanto meno di giocarsela fino alla fine. Napoli torna Campione oltre ad essere il tormentone del momento, è un sogno che può davvero realizzarsi.

LA GARA DEL NAPOLI

Complice il primo forte caldo di stagione, si capisce subito che sarà una partita difficile. A dire il vero gli azzurri nel primo tempo non corrono rischi contro i gialloblù, a preoccupare è invece la poca verve offensiva. Nella ripresa la storia della gara sembra poter cambiare: Mertens messo giù in area conquista un calcio di rigore. Lo fallisce clamorosamente.
Passano i minuti e il Napoli entra in ansia. Non sembra vero ma in contropiede il Chievo colpisce con Stepinski, ammutolendo l’intero San Paolo. Il popolo partenopeo inizia a rassegnarsi, ma nel finale c’è spazio per qualcosa di straordinario. Milik con un grande colpo di testa al 90′ acciuffa l’1-1 e nel pieno recupero è pura apoteosi: Diawara a tempo quasi scaduto disegna un arcobaleno che fa esplodere di gioia tutti i tifosi azzurri che numerosi sono accorsi allo stadio. Vittoria e tre punti pesantissimi che tengono il Napoli in corsa per il titolo.
Da tanto mancava un loss time così.

E ORA?

Anche la Juventus nella giornata di ieri a Benevento ha avuto più di un grattacapo. Le due compagini dopo un cammino veramente straordinario stanno subendo un calo fisiologico. Lo scontro diretto si avvicina e sarà molto probabilmente decisivo.
Può questo Napoli davvero spezzare l’egemonia bianconera che dura ormai da tantissimi anni?

Condividi su
  • 23
    Shares